And8iUCL: Ajax-Inter 2-2

Lo confesso. Il primo tempo inguardabile dell’Amsterdam Arena contro una squadra entusiasta ma modesta mi ha seriamente preoccupato. Da quasi due anni, praticamente dall’avvento di Mancini, non avevo più visto cose simili alla sottovalutazione dell’avversario. Lo 0-2 alla fine del primo tempo agitava molto più del risultato stesso. Poi Mancini deve aver urlato negli spogliatoi e nella ripresa l’Inter è tornata a fare l’Inter ristabilendo gerarchie e risultato. Il 2-2 non è il massimo ma consegna interamente nelle mani dei nerazzurri il retour-match del prossimo 14 marzo. Non bisogna però credere che il primo tempo sia spiegabile solo con il brutto esordio di Cesar. Lì non si è salvato nessuno e quando si gioca così male la colpa non può essere di un singolo giocatore. Sono invece finalmente evidenti i meriti di Pizarro che, entrato nella ripresa, ha finalmente offerto una prova all’altezza della sua fama. Il migliore rimane però Figo e non mi stancherò mai di celebrare questo straordinario professionista, capace di non perdere mai la testa fino ad offrire a Cambiasso la giocata deliziosa e decisiva per il gol di Cruz, ma per piacere basta primi tempi come quello di Amsterdam in un mese di febbraio in cui l’Inter si è già involuta all’inverosimile.

Lascia una risposta

Le 4 regole del commentario:
1. Siate educati: i commenti ad personam saranno ignorati
2. Scrivete in italiano, il congiuntivo non è una malattia degli occhi!
3. Non è una chat: se volete conversare tra voi, io che ci sto a fare?
4. La lunghezza del commento non può superare i 500 caratteri (spazi compresi)
Viva l’Inter!


*

 caratteri disponibili